Categoria: Terra

Plastica ritrovata perfino nei ghiacciai
Plastica ritrovata perfino nei ghiacciai

Nell’estate del 2018 studiosi dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con il gruppo di ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca, hanno realizzato dei campionamenti sul Ghiacciaio dei Forni, nel Parco Nazionale dello Stelvio: per la prima volta su un ghiacciaio italiano è stata scovata della plastica. In ogni chilo di sedimento sono state ritrovate 75 particelle di microplastica. Non erano stati ancora condotti studi sulla contaminazione da plastica nelle aree di alta montagna. Questo tipo di inquinamento è tra i più impattanti sull’attività umana perché la plastica ha una forte persistenza nell’ambiente, una notevole influenza sugli ecosistemi e può entrare nella catena alimentare. Per evitare la contaminazione di particelle di plastica che costituiscono la quasi totalità dei materiali tecnici dell’abbigliamento di montagna, i ricercatori hanno indossato tessuti di cotone al 100% e usato zoccoli di legno per le calzature.

“Sebbene non sia affatto sorprendente aver riscontrato microplastiche nel sedimento sopraglaciale, estrapolando questi dati, pur con le dovute cautele, abbiamo stimato che la lingua del Ghiacciaio dei Forni, uno dei più importanti apparati glaciali italiani, potrebbe contenere da 131 a 162 milioni di particelle di plastica. L’origine di queste particelle potrebbe essere sia locale, data ad esempio dal rilascio e/o dall’usura di abbigliamento e attrezzatura degli alpinisti ed escursionisti che frequentano il ghiacciaio, sia diffusa, con particelle trasportate da masse d’aria, in questo caso di difficile localizzazione” hanno affermato i ricercatori della Statale.”Grazie a questa ricerca abbiamo ora la conferma della presenza delle microplastiche sui ghiacciai. Futuri studi investigheranno gli aspetti biologici legati alla loro presenza sui ghiacciai. Verranno infatti indagati i processi microbiologici di degradazione della plastica e il potenziale bioaccumulo delle particelle nella catena trofica. Verrà inoltre studiato l’assorbimento di altri contaminanti. È ormai noto che i ghiacciai non sono ambienti incontaminati, ma immagazzinano diversi inquinanti di origine antropica rilasciati nell’atmosfera, e le microplastiche potrebbero fornire un substrato dove queste sostanze possono accumularsi” spiega il professor Andrea Franzetti dell’Università di Milano-Bicocca.

Piste ciclabili fluo: la bellezza di pedalare in un mare di stelle
Piste ciclabili fluo: la bellezza di pedalare in un mare di stelle

Pedalare di sera sopra un mare di stelle? Non è un sogno ma una realtà. Da sempre l’Olanda è considerata il Paese della bicicletta ma in Europa anche la Polonia si è dimostrata particolarmente attenta ai ciclisti e alla loro sicurezza. È stata progettata qui infatti una delle strutture più moderne ed innovative dedicate alla circolazione in bici: si tratta di una pista ciclabile il cui manto stradale alla fine del giorno, si illumina di azzurro, colore che si abbina bene all’ambiente circostante, permettendo al ciclista di pedalare in tutta sicurezza. Tutto ciò è possibile grazie ad uno speciale materiale che, durante il giorno, si ricarica attraverso l’energia solare e con il buio emette poi la luce. Si tratta di una trovata davvero ingegnosa che fonde alla perfezione l’attenzione alla qualità dell’aria, mediante la circolazione in bicicletta e il risparmio energetico attraverso lo sfruttamento di fonti rinnovabili come la luce solare.

Si trova nei pressi della località Lidzbark Warmisnki, nel nord-est; è illuminata dal fosforo, materiale sintetico che si illumina dopo essere stato caricato dal sole. Il percorso stellato è stato creato da TPA Instytut Badań Technicznych Sp. z oo; Igor Ruttmar il presidente della società ha dichiarato che il materiale utilizzato per la pista è in grado di ricaricarsi di energia sufficiente per garantire più di 10 ore di illuminazione fornendo, dunque, copertura per l’intera durata della notte. In Olanda è già stata realizzata una pista ciclabile illuminata ispirata nientemeno che alla Notte Stellata di Van Gogh. Si trova a Nuenen ed è stata progettata dal designer Daan Roosegaarde che ha ideato un percorso costellato di puntini luminosi che emettono luce di sera ricaricandosi, durante il giorno, attraverso la luce solare. Il percorso olandese è però dotato in alcuni punti anche di luci al LED supplementari nel caso in cui, durante giornate particolarmente nuvolose, l’energia solare non fosse sufficiente a ricaricare il sistema di illuminazione. Lungo il percorso di Lidzbark Warmisnki non è stata invece prevista l’installazione di alcuna fonte di luce supplementare.

Ma gli sviluppatori non hanno dedicato un occhio di riguardo soltanto al risparmio energetico, ma anche a quello economico. Sono infatti costantemente a lavoro per studiare un sistema che permetta di gestire e realizzare il loro progetto nella maniera meno costosa ed onerosa possibile.

Troppi turisti in Islanda per un video di Justin Bieber
Troppi turisti in Islanda per un video di Justin Bieber

L’Agenzia islandese dell’Ambiente ha deciso di vietare l’accesso al canyon Fjadrargljufur fino al prossimo 1° giugno per il sovraffollamento turistico. Si tratta di un sito spettacolare che si trova nella parte sud-orientale: è profondo 100 metri, lungo circa 2 km e viene considerato una vera meraviglia della natura. L’incredibile aumento dei turisti registrato negli ultimi anni oltre alla bellezza del luogo è dovuto a un video girato da Justin Bieber. La famosissima pop star ha infatti girato qui il video della sua hit I’ll show you” alla fine del 2015 così il luogo ha acquisito una popolarità tale da rimanere “vittima” del turismo di massa.

Daniel Freyr Jonsson, consigliere del locale dipartimento di conservazione della natura all’agenzia AFP, ha spiegato che il calpestio dei turisti, sommato al naturale decorso del disgelo, a chiusura di un inverno particolarmente umido, hanno trasformato l’area e gli stessi sentieri per il pubblico in una fanghiglia praticamente inaccessibile. A causa della consistenza e dello spessore dello strato fangoso i turisti finiscono per scavalcare le recinzioni che delimitano le aree dove cresce vegetazione protetta, facendo parecchi danni.

Il canyon si è formato per erosione glaciale circa 9000 anni fa e si presenta come un susseguirsi di falesie sinuose, alte fino a 100 metri e ricoperte di verde. C’è tutto il meglio dell’isola vichinga, in quel mix di terra e di acqua che si incuneano l’una nell’altra fino a non farti distinguere tra mare e aree fluviali-lacustri.

A Villasimius si progetta la prima pista ciclo-pedonale solare
A Villasimius si progetta la prima pista ciclo-pedonale solare

Villasimius, uno dei comuni più conosciuti della Sardegna meridionale, sta per diventare sede di un’innovativa pista ciclo-pedonale con i pannelli solari. La città potrebbe diventare pioniera nella realizzazione italiana di una struttura del genere. Il progetto prevede la realizzazione della pista rivestita di pannelli fotovoltaici, sormontati da una lastra di vetro antiscivolo e integrati in una struttura d’acciaio sollevata e ancorata a terra, in grado di produrre energia che andrebbe a soddisfare il fabbisogno di chi si trova in prossimità del tracciato.

Il percorso lungo circa 4 km, partirebbe dal centro del paese per finire al porto turistico. Sarà finanziato in parte con fondi comunitari, in parte con una campagna di raccolta che coinvolgerà cittadini e aziende. La produzione di energia da fonti rinnovabili contribuirà al raggiungimento degli obiettivi ambientali del comune, alla riduzione delle emissioni di CO2 e comporterà un risparmio energetico. Diventerà inoltre un elemento di attrazione per il territorio. I lavori potrebbero iniziare già a maggio.

La prima pista ciclabile con pannelli solari incorporati al mondo si chiama SolaRoad. É stata inaugurata nel 2014 ad Amsterdam: 70 metri di pista producono l’energia necessaria per 3 case. Il sindaco della cittadina sarda Gianluca Dessì ha dichiarato: “La pista ciclo-pedonale solare è il più innovativo ma non l’unico tra i progetti portati avanti in questo senso che includono, tra gli altri, l’illuminazione a led, le colonnine di ricarica, l’impianto di compostaggio, i cuscini di posidonia, i bidoni della spazzatura galleggianti “Seabin” e la riqualificazione del lungomare che sarà ultimata tra qualche mese”.

Trashtag Challenge: quando si usano i social per l’ambiente
Trashtag Challenge: quando si usano i social per l’ambiente

Una sfida on-line si sta diffondendo sempre di più per spingere i ragazzi a prendersi cura del Pianeta. Si tratta del #trashtag challenge che invita le persone a recarsi nelle aree coperte da immondizia, raccogliere la spazzatura e postare sui propri profili social il luogo pulito, prima e dopo l’intervento. La sfida è iniziata il 5 marzo 2019 ed è stata lanciata da Byron Román, 53enne che vive a Phoenix in Arizona; di mestiere si occupa di prestiti finanziari ma tiene molto all’ambiente. Román è partito postando su Facebook uno scatto in cui si vede un uomo seduto in una zona boscosa e molto sporca, accostata a una seconda immagine sempre dello stesso posto, questa volta completamente ripulito con tanto di sacchi pieni ben in vista e l’uomo dello scatto precedente in piedi soddisfatto. Sopra le parole: “Ecco una nuova #sfida per tutti voi ragazzi annoiati. Fai una foto di una zona che ha bisogno di un po’ di pulizia o manutenzione, poi fai una foto dopo che hai fatto qualcosa a riguardo e posta”.

Dall’inizio della sfida, in poco tempo sono stati pubblicati più di 50000 post su Instagram che hanno utilizzato l’hashtag e innumerevoli volontari si sono attivati per ripulire parchi, strade, riserve naturali e spiagge in tutto il mondo. La #trashtag challenge serve anche per dare maggior consapevolezza della condizione dei rifiuti sul nostro Pianeta e dell’inquinamento degli oceani. In media all’anno vengono prodotte 1.3 miliardi di tonnellate di rifiuti e solo dalle 258 alle 368 milioni di tonnellate finiscono nei 50 più grandi centri di smaltimento di rifiuti, mentre le restanti milioni di tonnellate si riversano nell’oceano e l’80% si deposita poi sulle spiagge.

Buona sfida social a tutti!!!

Quanta acqua c’è sulla Terra?
Quanta acqua c’è sulla Terra?

Vi siete mai chiesti quanta acqua c’è sulla Terra? Rispetto agli altri pianeti, la Terra ha molta acqua e infatti, vista dallo spazio, è praticamente blu. L’acqua copre il 71% della superficie terrestre. L’acqua è ciò che rende tanto speciale la Terra perché ci permette di vivere. L’acqua è presente non solo negli oceani e nei mari ma anche sotto i nostri piedi e nell’aria che respiriamo. L’acqua è anche negli esseri viventi: il nostro copro è fatto principalmente di acqua. Se unissimo in una sfera tutta l’acqua presente sulla Terra, la sfera avrebbe un diametro di 1.400 chilometri.

La maggior parte dell’acqua che è presente sulla Terra però è salata: il 96,5%. Questo significa che solo una piccolissima percentuale è dolce e quindi potabile: noi infatti possiamo bere solo il 3,5% dell’acqua presente sulla Terra. Di questa piccola percentuale di acqua, più della metà è intrappolata nei ghiacciai e nelle calotte di ghiaccio mentre un terzo è sotto i nostri piedi, nel sottosuolo. Il restante 2% del totale dell’acqua dolce è quella che vediamo scorrere nei fiumi, nei laghi e nei ruscelli.

L’acqua sulla Terra – Crediti NASA

Inquinamento, ritrovata bottiglia di plastica di 47 anni fa
Inquinamento, ritrovata bottiglia di plastica di 47 anni fa

Ennesima notizia di inquinamento: è stata ritrovata una bottiglia di plastica di 47 anni fa a Burnham-on-Sea, una cittadina di quasi 20.000 abitanti del Somerset in Inghilterra. La Guardia Costiera ha ritrovato sulla spiaggia una bottiglia di plastica di 47 anni fa. Dopo quasi mezzo secolo in mare è arrivata ai giorni nostri con qualche ammaccatura ma praticamente intatta, mantenendo la sua forma e perfino l’etichetta.
La plastica infatti è capace di durare, inquinando, fino a 450 anni. Fa ancora più impressione che la bottiglia sia stata restituita dalle acque del Sommerset britannico, terra dove il monouso è stato ormai bandito in tutte le sue forme; oltre alle bottigliette non si possono più utilizzare cannucce, cotton fioc e posate.

Nella foto condivisa su Facebook dalla Guardia Costiera e pubblicata sul Guardian si vede bene l’etichetta, quasi perfettamente conservata e si capisce che si tratta di una confezione di detersivo liquido Fairy. Impossibile sapere la quantità precisa del contenuto, visto che l’indicazione di peso dei decimali fu introdotta sui prodotti del Regno Unito solo nel 1971.

Ogni anno oltre 8 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica finiscono nei nostri mari: non si trova un solo km² di acqua marina libero da detriti in plastica. Anche se solo una piccola quantità di questi galleggia in superficie, le correnti marine formano enormi vortici di plastica, il più grande dei quali ricopre nel Pacifico un’area maggiore di quella dell’Europa centrale.
Su Facebook la Guardia Costiera protagonista del ritrovamento, ha commentato: “Siamo sconcertati dalla quantità di rifiuti spinti dall’acqua sulla spiaggia ed è stato scioccante scoprire quanto a lungo questa immondizia possa sopravvivere danneggiando in ultima analisi la natura”.

Stop al Turismo sulla spiaggia di Maya Bay
Stop al Turismo sulla spiaggia di Maya Bay

Il posto da favola reso famoso dal film “The Beach” fa i conti con l’inquinamento. La famosa spiaggia thailandese di Maya Bay, sull’isola di Koh Phi Phi Lee, verrà chiusa a tempo indeterminato per permettere la ripresa dell’ecosistema, devastato da orde di turisti. La spiaggia è diventata celebre dopo il film del 2000 “The Beach” con Leonardo DiCaprio girato interamente in Thailandia tra gennaio e aprile 1999. Le autorità inizialmente avevano deciso di impedirne l’accesso per soli 4 mesi l’anno a causa dell’erosione della spiaggia e dell’inquinamento provocato da migliaia di arrivi giornalieri di turisti. Dopo un primo bilancio positivo, ad agosto si sono resi conto che la situazione era peggiore di quanto previsto e il che divieto temporaneo non era sufficiente.

Sul sito dell’autorità del turismo della Thailandia si legge che la spiaggia, visitata da circa 5000 turisti al giorno, ha bisogno di un periodo di chiusura per ”riprendersi” dai danni causati alla barriera corallina e dalle barche che attraccano nella baia in alta stagione. Si legge che è molto difficile rimediare e riabilitarla perché la sua spiaggia è stata completamente distrutta così come le piante che la coprivano. Il divieto resterà in vigore fino a una completa ripresa e il ritorno a una situazione normale.

Rotterdam: arriva la prima fattoria galleggiante
Rotterdam: arriva la prima fattoria galleggiante

A Rotterdam verrà presto inaugurata Floating Farm, la prima fattoria galleggiante del mondo. La fattoria sorgerà nel porto di Rotterdam e sarà ancorata al fondo dell’Oceano. Nei suoi tre piani, ospiterà 40 mucche, produrrà circa 800 litri di latte al mondo e sarà autosufficiente dal punto di vista energetico, grazie a pannelli solari e turbine eoliche. Sul suo tetto verrà inoltre raccolta e filtrata l’acqua piovana, in modo da poterla riutilizzare.

A Rotterdam la prima fattoria galleggiante

La fattoria galleggiante nel centro della città metterà a disposizione degli abitanti di Rotterdam prodotti di qualità a chilometro zero. Così si ridurrà anche l’inquinamento prodotto dai mezzi di trasporto. La fattoria rappresenta anche una risposta al problema del consumo del suolo, che ogni anno viene “invaso” da nuove costruzioni.

L’Estate cede il passo all’Autunno con l’equinozio
L’Estate cede il passo all’Autunno con l’equinozio

Nel corso dell’equinozio, trovandosi l’asse di rotazione terrestre perpendicolare alla direzione dei raggi solari, in tutto il Pianeta il giorno e la notte hanno uguale durata. Ci siamo. Il momento da molti paventato, da altri desiderato, sta arrivando. L’estate volge al termine. I giorni si accorciano, iniziano a cadere le foglie, le belle e calde giornate di sole pian piano si allontano. L’autunno è alle porte. Quest’anno l’appuntamento è per domenica 23 settembre. Alle ore 1.54 UTC di quel giorno cadrà l’equinozio d’autunno, momento che sancisce ufficialmente l’inizio dell’autunno astronomico. Ecco quindi che il ciclo produttivo e riproduttivo pian piano terminerà, e la natura gradualmente si preparerà al più rigido clima invernale e a un riposo della durata di vari mesi. Il termine “equinozio” trae origine dal latino aequinoctium, a sua volta derivato da aequa-nox, ossia “notte uguale”: nel corso dell’equinozio, infatti, giorno e notte hanno uguale durata, cadendo i raggi solari in modo esattamente perpendicolare all’asse di rotazione terrestre. L’asse di rotazione terrestre, rispetto al piano di rivoluzione orbitale intorno al Sole, risulta inclinato in media di 23°27′. Questo significa che i raggi solari, in ogni istante, non giungono mai sulla Terra con la stessa angolazione. Nel corso degli equinozi, invece, l’asse di rotazione terrestre risulta perpendicolare alla direzione dei raggi solari: in ogni punto del pianeta, dove il Sole supera l’orizzonte, la durata del giorno è dunque uguale alla durata della notte.

Ogni anno i due equinozi (primavera e autunno), esattamente come avviene per i due solstizi (estate e inverno), cadono a sei mesi di distanza l’uno dall’altro. Equinozi e solstizi segnano convenzionalmente l’avvicendamento delle stagioni astronomiche della Terra. Nell’emisfero boreale l’equinozio di marzo segna la fine dell’inverno e l’inizio della primavera; l’equinozio di settembre, invece, segna la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Viceversa accade nell’emisfero australe, dove l’autunno comincia con l’equinozio di marzo e la primavera con quello di settembre.

Abbiamo parlato dell’autunno “astronomico”. Dal punto di vista meteorologico, invece, l’autunno ha inizio il 1° settembre, per concludersi il 30 novembre. La spiegazione sta nel dato climatico e meteorologico. Verso la fine di agosto, infatti, mediamente le temperature iniziano a far registrare i primi cali rispetto alla calura estiva e le piogge si fanno più frequenti. Il cambio di stagione, oltre che dal punto di vista astronomico e da quello meteorologico, può essere però definito anche in base a un altro parametro, quello legato alla fenologia. Parliamo di quel ramo della biologia che si occupa dei rapporti tra fattori climatici (temperatura, umidità, fotoperiodo) e la manifestazione stagionale di alcuni fenomeni della vita vegetale, quali la germogliazione delle gemme, la fioritura, la maturazione dei frutti, la caduta delle foglie, etc., oltre che dei rapporti tra fattori climatici e la manifestazione stagionale dei fenomeni relativi alla fauna. Secondo la fenologia, l’inizio delle stagioni non può coincidere con un giorno preciso: si tratterebbe, invece, di un periodo caratterizzato da cambiamenti graduali sia nel mondo vegetale che in quello animale. Modi diversi, dunque, di vedere il mutamento che, ad ogni cambio stagionale, si genera attorno a noi, nel perenne e sempre stupefacente ciclo della vita.

Rifiuti e ambiente: una volta gettato può durare anche secoli
Rifiuti e ambiente: una volta gettato può durare anche secoli

Quello che viene abbandonato dall’uomo in natura può durare poche settimane ma anche secoli: le cose che usiamo quotidianamente se gettate senza accortezza possono avere un impatto sull’ambiente più grande di quanto immaginiamo.
Dal punto di vista numerico, i mozziconi di sigaretta sono il rifiuto singolo più abbondante sulla Terra: un mozzicone senza filtro impiega 6-12 mesi per dissolversi, perché è fatto di cellulosa e fibre vegetali di tabacco ed è quindi biodegradabile. Il filtro invece è composto di un materiale chimico sintetico molto resistente e in condizioni normali, sono necessari dai 5 ai 12 anni di tempo per distruggerlo. Si stima che su scala globale, ogni giorno, ne vengano dispersi nell’ambiente più di 10 miliardi.
Resti di frutta e verdura hanno il ciclo di decomposizione più corto: un torsolo di mela impiega circa 15 giorni per decomporsi ma dipende molto dal luogo in cui è stato gettato, dal clima, dalle temperature. Per una buccia di banana occorre almeno un mese, tempo che può anche raddoppiare se viene gettata in mare.

Per la decomposizione di una t-shirt occorrono almeno 6 mesi; il cotone è il tessuto maggiormente biodegradabile ma ad esempio per la lana ci vuole circa un anno.
La degradazione delle gomme da masticare avviene in circa 5 anni: la gomma nonostante sia di origine vegetale, è un materiale difficilmente attaccabile dai microrganismi che riescono quindi a distruggerlo soltanto lentamente.
Decisamente peggio va con i sacchetti di plastica: secondo studi condotti in laboratorio occorrono minimo 20 anni per essere frammentati in micro “porzioni” non visibili. Ogni singolo pezzetto è poi però soggetto all’attacco di microrganismi e alla naturale ossidazione, che portano alla demolizione delle singole molecole. Questa decomposizione può impiegare centinaia di anni, senza contare il fatto che i sacchetti di plastica sono estremamente pericolosi in mare perché possono intrappolare o essere ingeriti da pesci e altri animali provocandone la morte.

I sacchetti per le patatine sono un materiale altamente inquinante: ci vogliono almeno 80 anni prima che scompaiano dall’ambiente. Sono stati trovati dei sacchetti risalenti a più di 30 anni fa.
La degradazione della plastica è molto difficile; ad esempio per la decomposizione di una bottiglia di plastica occorrono 1000 anni perché fa parte degli imballaggi più resistenti, al riparo dalla luce può durare secoli mentre per le posate di plastica o per gli accendini “usa e getta” si stima un periodo che va da 100 a 1000 anni.
Le bottiglie di vetro vengono degradate in tempi molto lunghi, circa 1 milione di anni perché il vetro è un materiale quasi eterno.
Le pile sono le più inquinanti: anche se l’involucro esterno si disintegra abbastanza facilmente, il problema per questo tipo di rifiuto viene dalle sostanze tossiche che contiene, come il piombo, il cromo, il cadmio, il rame, lo zinco e soprattutto il mercurio. Una pila contiene circa un grammo di mercurio, quantità più che sufficiente per inquinare 1.000 litri di acqua. Per questo non devono mai essere gettate nell’ambiente né con i normali rifiuti ma sempre gettate negli appositi contenitori.

San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!
San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!

Il 10 agosto è San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti. Come osservarle, dove e quando?

Il 10 agosto è San Lorenzo, che tutti conosciamo come la notte delle stelle cadenti. Quella delle Perseidi è la pioggia di meteore più famosa dell’anno e in realtà sarà visibile in cielo per molti giorni, all’incirca un mese tra la seconda metà di luglio e quella di agosto, e non solo nella notte di San Lorenzo. Il picco di massima visibilità è previsto per il 13 agosto!

Per godersi appieno lo straordinario spettacolo delle stelle cadenti è fondamentale scegliere con cura il luogo da cui osservarle: è importante che sia il più possibile buio e che offra una visuale ampia. Sii paziente: ci vorrà un po’ perché i tuoi occhi si adattino completamente al buio, vedendo al meglio le stelle e le meteore.
Scegli una postazione che ti permetta di guardare verso Nord-Est: il radiante della pioggia di meteore delle Perseidi, cioè la zona da cui apparentemente provengono, è la costellazione di Perseo, che attorno alla mezzanotte si trova in questa direzione. Non sarà difficile da individuare: la costellazione di Perseo si trova sotto quella di Cassiopea, facilissima da riconoscere per la sua tipica forma a W.

Stelle Cadenti

Cosa sono le stelle cadenti?

In realtà, non sono stelle: si tratta di meteoriti che vengono attratti dalla forza di gravità del nostro pianeta. Una volta entrati nell’atmosfera cadono verso la Terra a grandissima velocità: possono arrivare a 210.000 km orari!
A una tale velocità, il calore prodotto dall’attrito con l’atmosfera fa sì che i meteoriti si infiammino: ecco perché vediamo quella scia luminosa. L’atmosfera terrestre protegge il pianeta dai meteoriti, che si sfaldano e bruciano prima di raggiungere la Terra.

meteorite

Grazie a Space Nation puoi volare nello spazio anche tu
Grazie a Space Nation puoi volare nello spazio anche tu

Nel corso del tempo i viaggi spaziali sono passati dall’essere una rarità ad una routine. C’è quindi bisogno di nuove reclute che nel futuro potranno diventare astronauti.  Se il tuo sogno è sempre stato quello di viaggiare nello spazio, è arrivata l’app che fa per te. Grazie a Space Nation, ora lo spazio è a portata di tutti. Dal 12 aprile infatti, anniversario del primo volo spaziale della storia, è possibile scaricare sui vostri telefoni  Space Nation Navigator.

L’azienda finlandese ha sviluppato l’app, con l’aiuto di addestratori di astronauti della NASA, tramite l’accordo Space Act, per dare l’occasione a tutti di affrontare un addestramento come quello di un vero astronauta. L’obbiettivo è quello di creare un programma per la formazione dei futuri astronauti, a portata di tutti. Tramite l’app sarà possibile aumentare le conoscenze in ambito dello spazio, attraverso lezioni da leggere e podcast da poter ascoltare. Il programma prevede inoltre che ogni anno un utente venga selezionato per andare nello spazio, in veste di astronauta.

Un’altra sezione interessante dell’app è senza dubbio quella delle missioni. Qui si possono testare le conoscenze acquisite tramite quiz e giochi di diversi livelli di esperienza. Per di più, i giochi sono repliche di situazioni e sfide che potrebbero ripetersi, o che sono già accadute, nello spazio. Superate le sfide è possibile ricevere badge e ricompense. Una di queste è l’occasione di poter andare in Islanda, che grazie ai suoi territori inesplorati, assomiglia molto alla luna.

Il sole e i raggi UV
Il sole e i raggi UV

Cos’è l’Indice UV? Come funziona la radiazione ultravioletta? D’estate ne sentiamo spesso parlare, ma di che cosa si tratta? Per capirlo bisogna entrare nel tecnico. Dal sole parte una radiazione – tranquilli, non c’è da preoccuparsi –  costituita da un lato da un flusso di particelle altamente energetiche, quindi da protoni, elettroni e nuclei di elio (la cosiddetta “radiazione cosmica” o “vento solare”) e dall’altro da onde elettromagnetiche. La quasi totalità (circa il 99%) della radiazione elettromagnetica proveniente dal Sole è composta in larga misura da raggi visibili (la luce), da un’apprezzabile quantità di radiazioni nell’infrarosso (quelli che danno la sensazione di calore) e da una piccolissima frazione di raggi UltraVioletti (UV).

I raggi UV sono la parte più piccola dell’energia in arrivo dal Sole ma è la componente solare più dannosa per gli esseri viventi. Riescono infatti a penetrare in profondità nei tessuti, fino a interferire con il codice genetico contenuto nel DNA delle nostre cellule, con il conseguente sviluppo di forme tumorali, specie della pelle come il melanoma. Ma attenzione perché anche gli occhi sono altrettanto a rischio, quindi occhiali da sole sempre sul naso! 

In piccole dosi i raggi UV hanno però anche effetti benefici sull’uomo: produzione di vitamina D (bastano pochi minuti al giorno per stimolare la produzione di una quantità sufficiente di vitamina D in grado di prevenire l’osteoporosi, il diabete di tipo 1 e diversi tipi di tumori), produzione di serotonina (previene la depressione), effetto disinfettante in quanto viene limitata la proliferazione di batteri, cura di alcune patologie dermatologiche (psoriasi, vitiligine, dermatite atopica).

Analizziamo ora più da vicino le caratteristiche della radiazione ultravioletta. I raggi UV cadono in una banda dello spettro elettromagnetico con lunghezza d’onda. I più penetranti, e quindi i più pericolosi per gli esseri viventi, sono quelli con lunghezza d’onda più corta, ossia gli UVAUVB e UVC . Grazie all’atmosfera ma soprattutto per merito dell’ozono gran parte dei raggi UV provenienti dal sole vengono assorbiti e retro-diffusi verso la spazio. I raggi UVC sono completamente assorbiti nell’alta atmosfera dall’ozono e dall’ossigeno; la quasi totalità dei raggi UVB (circa l’80-90%) viene assorbita dall’ozono presente in stratosfera mentre la maggior parte dei raggi UVA riesce a passare indenne attraverso l’atmosfera. In sostanza, la radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie terrestre è costituita in larga quantità da UVA e solo in piccola parte da UVB.

I raggi UVA rappresentano il 95% degli ultravioletti che colpiscono la pelle, sono presenti tutto l’anno, a tutte le latitudini ed attraversano sia le nuvole che il vetro. Arrivano a penetrare l’epidermide in profondità. Sono i principali responsabili dell’invecchiamento prematuro della pelle: rughe, macchie solari, perdita di elasticità, secchezza. Sono inoltre responsabili di forme cancerogene come il melanoma e il carcinoma cutaneo a cellule basali. Di fatto non provocano eritemi e scottature ma sono in grado di causare danni a lungo termine. Stimolano la riattivazione della melanina preesistente riattivando la reazione dell’abbronzatura. I raggi UVB costituiscono il 5% della radiazione ultravioletta in arrivo sulla Terra, sono più energetici rispetto agli UVA e sono concentrati soprattutto nel periodo estivo, in particolare nelle ore centrali della giornata. Sono loro i responsabili degli eritemi e delle scottature ma causano danni anche a lungo termine aumentando il rischio di tumori della pelle.

Ovviamente la frazione di raggi UV che raggiunge la superficie terrestre subisce una notevole variazione sia nel tempo e nello spazio, anche e soprattutto a seconda delle condizioni meteorologiche. Ecco, al riguardo, un elenco dei fattori dai quali dipende la dose di raggi ultravioletti in arrivo al suolo:

• ora del giorno: il 20-30% circa degli UV arriva tra le 11 e le 13 locali mentre il 75% del totale è concentrato tra le 9.00 e le 15.00. Quando il Sole è alto sull’orizzonte i raggi compiono infatti un percorso più breve dentro l’atmosfera, minimizzando in tal modo l’assorbimento da parte dell’aria;
• stagione: nelle regioni temperate gli UV raggiungono la massima intensità in estate e la minima in inverno; quando il sole è più alto nel cielo il tasso di raggi UV è maggiore mentre è decimante trascurabile quando il sole è basso all’orizzonte;
• latitudine: il flusso annuale di raggi UV è massimo all’Equatore e minimo ai poli;
• nuvole: in generale le nubi diminuiscono la quantità di energia solare in arrivo. Un cielo con nuvole sparse o velato da nubi alte e sottili, attenua appena del 10% l’intensità dei raggi UV. La frazione in arrivo al suolo si riduce del 25 % circa con cielo molto nuvoloso ma con cielo coperto l’attenuazione raggiunge il 70 % circa;
• altitudine: con la quota la radiazione ultravioletta aumenta notevolmente di intensità. Ad esempio, in estate a 2000 metri la radiazione UV “scotta” quasi il triplo rispetto alle aree di pianura, mentre in una settimana trascorsa sempre a 2000 metri in luglio si riceve la stessa dose di UV assorbita in tre mesi al mare. In inverno gli UV si riducono, rispetto all’estate, di otto volte circa in montagna e di sedici volte in pianura;
• riflessione: la parte riflessa dalla superficie terrestre e dai mari è generalmente bassa (inferiore al 7%), tuttavia il tipo di superficie può fare davvero la differenza: manti erbosi e specchi d’acqua riflettono meno del 10% della radiazione in arrivo, la sabbia riflette circa il 25% dei raggi UVB incidenti, mentre la neve fresca arriva a riflettere circa il 80%.

Ecco perché in montagna i raggi ultravioletti sono particolarmente insidiosi: all’effetto riflessione da parte della neve si aggiunge infatti anche l’effetto altitudine.

 

Perché il tramonto è rosso?
Perché il tramonto è rosso?

In questo periodo non mancano le belle giornate estive proprio nel momento di massima durata delle ore di luce. Per i fortunati che si trovano in riva al mare e per chi è rimasto in città è possibile osservare la bellezza del calar del sole sull’orizzonte che tinge ogni sera il cielo di colori rosso fuoco. Ma da cosa dipendono i colori che scaldano il cielo al tramonto?
Partiamo da qualche nozione: le radiazioni sono energia. Le radiazioni elettromagnetiche sono un insieme di energie che si muovo nello spazio sotto forma di onde, dalle onde Radio alle onde UV fino ai Raggi-X.


La luce è una radiazione elettromagnetica, che quindi si muove sotto forma di onde. La luce a noi visibile è però solo una parte ridotta dello spettro elettromagnetico e forma i colori dell’arcobaleno: dal rosso al giallo, al blu fino al viola. Ogni colore a noi visibile ha una differente lunghezza d’onda: il rosso ha un’onda più ampia mentre il viola più corta. La magia dei tramonti dunque è dovuta alla diffusione della luce proveniente dal sole nell’atmosfera. Per “diffusione ottica” si intende il cambio di traiettoria delle onde a causa della collisione con altre particelle. La luce che attraversa la nostra atmosfera viene infatti deviata una infinità di volte prima di raggiungere il nostro occhio, dando un colore diverso a seconda della quantità di particelle su cui “rimbalza”.
Quando il sole è alto nel cielo, dunque, la luce blu (onda più corta) prevale dopo aver attraversato l’atmosfera composta dalle molecole di ossigeno e azoto. Al tramonto, invece, la luce deve attraversare una quantità maggiore di atmosfera, e dunque solo le onde più lunghe (rosse e arancio) riescono a raggiungere i nostri occhi regalandoci panorami unici.