Perché in autunno le foglie cambiano colore?

Durante la stagione autunnale il paesaggio cambia: le foglie sugli alberi diventano di molte tinte diverse e ci regalano una vera esplosione di colore.

Questo fenomeno dipende da una sostanza che si chiama clorofilla: in primavera e in estate c’è clorofilla in abbondanza nelle foglie, che devono proprio a lei il loro classico colore verde.

Questa sostanza è la protagonista di un processo molto importante per la pianta e per tutto l’ecosistema: la fotosintesi clorofilliana. La clorofilla trasforma l’acqua, presente nella linfa, e il carbonio, presente nell’anidride carbonica che c’è nell’aria, in zuccheri e ossigeno.

Da dove viene lenergia che rende possibile questo processo? Dal sole!
La sua luce viene assorbita dalla clorofilla, che la utilizza come fonte di energia: è come se fosse il suo carburante.

fotosintesi-clorofilliana

Come sappiamo, in autunno le giornate diventano sempre più corte e il sole è sempre più basso nel cielo. In questa stagione, quindi, fa sempre meno caldo e c’è meno luce solare.

Con la riduzione del suo carburante, la fotosintesi clorofilliana rallenta e la quantità di clorofilla presente nelle piante diminuisce per via delle temperature basse.

In primavera e in estate la clorofilla è tanta e il suo colore verde prevale su quello delle altre sostanze presenti nella foglia. In autunno diminuisce la concentrazione di clorofilla e quindi diventano visibili anche le altre tinte degli altri pigmenti che compongono la pianta: il nuovo colore delle foglie dipende proprio da queste sostanze.

autunno2

Il colore arancione è dovuto al carotene. Sì, quello delle carote! Il giallo dipende da una sostanza che si chiama xantofilla e che è presente in grandi quantità nel mais e nelle banane.
A volte il colore delle foglie è un bel rosso scuro: succede quando prevale l’antociano, un pigmento tipico delle ciliegie e delle prugne scure.autunno5

Non tutte le piante cambiano colore. Perché?

Sono piante che hanno un nome un po’ buffo: sempreverdi. Si chiamano così proprio perché le loro foglie non cambiano colore e restano, appunto, sempre verdi.
Succede, per esempio, nel caso degli abeti, che restano verdi anche in inverno, tranne quando li addobbiamo a Natale, e allora diventano di tanti colori diversi!

Le foglie degli abeti, come quelle dei pini e dei loro colleghi sempreverdi, contengono degli oli speciali e sono ricoperte da uno strato di cera: così possono resistere al gelo ed evitare che la clorofilla al loro interno diminuisca.

autunno1