Il “meteo eroe” che lotta contro le microplastiche

La lotta contro l’inquinamento del diciottenne irlandese Fionn Ferreira vale la pena di essere citata: inventando un sistema per rimuovere la microplastica dalle acque del nostro Pianeta, è diventato un nuovo “ambassador” dell’ambientalismo classificandosi primo nel Google Science Fair Grand Prize. In questa competizione per teenager dai 14 ai 18 anni, ha battuto 23  finalisti internazionali; goodnewsnetwork.org conferma che è stata la sua tecnica affinata ad arte a conquistare la commissione esaminatrice. Google lo ha premiato anche con 50000 dollari che verranno da lui utilizzati per mettere in pratica ed affinare la tecnica. Utilizzando magneti e ferro fluido, una combinazione di olio e polvere di magnetite, è riuscito a raccogliere pezzetti minuscoli di plastica dai campioni d’acqua. “Ho studiato questo metodo di estrazione su dieci diversi tipi di microplastiche; la concentrazione è stata misurata prima e dopo con uno spettrometro di mia realizzazione e un microscopio. I risultati hanno supportato la mia ipotesi di un’estrazione pari all’85%”.

La microplastica presente nelle acque, in genere, misura non più di 5 millimetri di diametro e diventa impossibile evitare che non finisca negli oceani, laghi e acquedotti urbani utilizzando i metodi tradizionali di filtrazione; è uno dei peggiori spettri dell’inquinamento causato da oltre 8 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno finiscono negli oceani. La sua idea potrebbe diventare una svolta epocale. “Non vedo l’ora di applicare le mie scoperte e contribuire alla lotta contro le microplastiche negli oceani”, ha dichiarato Fionn all’Irish Times.