Invaso dalla plastica anche l’ultimo paradiso incontaminato dell’Australia

Pochi conoscono le Isole Cocos: si tratta di 27 isole coralline quasi disabitate (contano circa 500 abitanti) distribuite in 2 atolli che si trovano nell’Oceano Indiano, a sud dell’Indonesia. Giacciono sulla punta di un vulcano sottomarino estinto, le cui pareti sono ricoperte da splendidi coralli; sono sempre state meta prediletta dagli amanti delle immersioni e un luogo ideale per coloro che sognavano una vacanza esotica all’insegna del mare e del relax. Venivano considerate l’ultimo paradiso incontaminato dell’Australia ma lo zampino negativo dell’uomo si è fatto sentire anche qui ed ora stanno soffocando a causa di 414 milioni di pezzi di plastica, tra cui 373000 spazzolini da denti e più di un milione di scarpe. Secondo quanto riportato dagli scienziati dell’Università della Tasmania, circa il 90% delle 238 tonnellate di rifiuti delle Isole è sepolto sotto la superficie.

Il 25% della spazzatura ritrovata è costituita da plastica monouso, arrivata via mare. Queste tonnellate di rifiuti si sono accumulate sulle coste, sulle spiagge e in mare. Jennifer Lavers, autrice dello studio dell’Università, ha dichiarato che l’inquinamento da materie plastiche è ormai onnipresente e queste Isole così remote e disabitate sono il posto ideale per avere una visione obbiettiva della dimensione del fenomeno. Le Cocos Islands furono scoperte nel 1609 dal capitano inglese William Keeling ed è per questo che sono chiamate anche Keeling Islands. Due secoli più tardi sono quindi state annesse all’Impero Britannico, mentre nel 1955 sono diventate un territorio dell’Australia. Famose proprio per la loro bellezza incontaminata, furono anche un’importante tappa per il libro “Viaggio di un naturalista intorno al mondo” di Charles Darwin, pubblicato nel 1839.