La Giornata dell’Ambiente quest’anno dedicata al problema della plastica

La Giornata dell’Ambiente del 2018, in programma il 5 giugno, è stata dedicata all’inquinamento provocato dalla plastica, problema che tocca da vicino tutti noi, tutti i Paesi del Mondo. Ogni anno vengono usati 500 miliardi di sacchetti di plastica. Negli oceani finiscono 13 milioni di tonnellate di plastica tant’è che nel Pacifico si è formata una gigantesca isola formata al 99% da rifiuti di plastica e un sacchetto è stato ritrovato persino nella fossa più profonda degli abissi, la fossa delle MarianneGli animali sono i primi a soffrire dell’inquinamento da plastica: ogni anno, per questo motivo, muoiono 100.000 esemplari.

Ogni minuto vengono acquistate 1 milione di bottiglie di plastica e il 50% della plastica prodotta viene utilizzato solo una volta, aumentando incredibilmente la quantità di rifiuti prodotti dall’uomo.

É sbagliato pensare che siano inquinati solo gli oceani e i mari lontani da noi. Il problema ci tocca da vicino! Anche il Mediterraneo, infatti, sta soffocando: durante il tour “Meno Plastica più Mediterraneo” di Greenpeace, si è riscontrata un’enorme e diffusa presenza di microplastiche (pezzettini di plastica molto fini)  comparabile ai livelli presenti nei vortici oceanici del nord Pacifico. La situazione è preoccupante anche per il fatto che il Mediterraneo è un bacino semi-chiuso che viene sfruttato molto dall’uomo.

La giornata dell’ambiente 2018 è quindi un’occasione per riflettere sull’emergenza plastica ma soprattutto serve per promuovere azioni concrete volte alla risoluzione di uno dei problemi più grandi del nostro tempo.