Tag: cielo

Cielo più luminoso: attenzione maltempo in arrivo
Cielo più luminoso: attenzione maltempo in arrivo

Anche se ci troviamo nel corso di una bella giornata di sole, se l’azzurro del cielo trascolora nel bianco o nel grigio significa che sta per arrivare la pioggia.
Il cielo, lo sappiamo, non è sempre azzurro. Può anzi mostrarci una vasta gamma di colori, che vanno dal bianco al rosso acceso. Saper leggere le variazioni cromatiche della volta celeste può in molti casi essere molto utile per capire che tempo farà nel corso delle ore successive.
Pensiamo, ad esempio, a una bella giornata estiva. Alziamo il naso all’insù, e vediamo di essere avvolti da un azzurro chiaro, tenue: ecco, in questo caso ci sono buone probabilità che il bel tempo permanga piuttosto a lungo. Al contrario, sempre restando sulla medesima tonalità cromatica, se notiamo un azzurro profondo, molto intenso, magari anche accompagnato da un’eccezionale visibilità che rende l’orizzonte più nitido che mai, in tal caso l’atmosfera risulta instabile. A farci presagire l’imminente cambiamento delle condizioni atmosferiche e il passaggio a una vera e propria fase di maltempo, invece, è un cielo che mostra di passare progressivamente dall’azzurro al bianco o, addirittura, al grigio. Insomma, un cielo “luminoso”: quasi la volta celeste si fosse improvvisamente “accesa”.

“Parliamo, in quest’ultimo caso, di condizioni che si verificano soprattutto durante l’estate – spiega il meteorologo Rino Cutuli-. Questa colorazione del cielo indica il graduale aumento delle particelle di polvere e di vapore acqueo in atmosfera: di conseguenza, indica anche l’aumento del livello di umidità presente nell’aria. Ciò può avvenire anche in una giornata caratterizzata dall’alta pressione e, dunque, da condizioni di tempo stabile e soleggiato. Il fatto che aumenti l’umidità nell’aria – aggiunge l’esperto – determina una sempre più densa foschia a bassa quota e preannuncia, in ultima analisi, l’avvicinarsi di una perturbazione. Di lì a breve, insomma, potrebbero svilupparsi acquazzoni e temporali anche di forte intensità”.
Ecco quindi che il colore del cielo non soltanto rappresenta un meraviglioso spettacolo della natura, ma spesso ci viene anche in aiuto, dandoci qualche suggerimento in più su come sarà il tempo di lì a breve.

San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!
San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!

Il 10 agosto è San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti. Come osservarle, dove e quando?

Il 10 agosto è San Lorenzo, che tutti conosciamo come la notte delle stelle cadenti. Quella delle Perseidi è la pioggia di meteore più famosa dell’anno e in realtà sarà visibile in cielo per molti giorni, all’incirca un mese tra la seconda metà di luglio e quella di agosto, e non solo nella notte di San Lorenzo. Il picco di massima visibilità è previsto per il 13 agosto!

Per godersi appieno lo straordinario spettacolo delle stelle cadenti è fondamentale scegliere con cura il luogo da cui osservarle: è importante che sia il più possibile buio e che offra una visuale ampia. Sii paziente: ci vorrà un po’ perché i tuoi occhi si adattino completamente al buio, vedendo al meglio le stelle e le meteore.
Scegli una postazione che ti permetta di guardare verso Nord-Est: il radiante della pioggia di meteore delle Perseidi, cioè la zona da cui apparentemente provengono, è la costellazione di Perseo, che attorno alla mezzanotte si trova in questa direzione. Non sarà difficile da individuare: la costellazione di Perseo si trova sotto quella di Cassiopea, facilissima da riconoscere per la sua tipica forma a W.

Stelle Cadenti

Cosa sono le stelle cadenti?

In realtà, non sono stelle: si tratta di meteoriti che vengono attratti dalla forza di gravità del nostro pianeta. Una volta entrati nell’atmosfera cadono verso la Terra a grandissima velocità: possono arrivare a 210.000 km orari!
A una tale velocità, il calore prodotto dall’attrito con l’atmosfera fa sì che i meteoriti si infiammino: ecco perché vediamo quella scia luminosa. L’atmosfera terrestre protegge il pianeta dai meteoriti, che si sfaldano e bruciano prima di raggiungere la Terra.

meteorite

San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!
San Lorenzo: nasi all’insù per le stelle cadenti!

Il 10 agosto è San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti. Come osservarle, dove e quando?

Il 10 agosto è San Lorenzo, che tutti conosciamo come la notte delle stelle cadenti. Quella delle Perseidi è la pioggia di meteore più famosa dell’anno e in realtà sarà visibile in cielo per molti giorni, soprattutto dal 10 al 14 agosto, e non solo nella notte di San Lorenzo. Il picco di massima visibilità sarà tra il 12 e il 13 agosto, quando sarà possibile vedere oltre 50 stelle cadenti all’ora.

Per godersi appieno lo straordinario spettacolo delle stelle cadenti è fondamentale scegliere con cura il luogo da cui osservarle: è importante che sia il più possibile buio e che offra una visuale ampia. Sii paziente: ci vorrà un po’ perché i tuoi occhi si adattino completamente al buio, vedendo al meglio le stelle e le meteore.
Scegli una postazione che ti permetta di guardare verso Nord-Est: il radiante della pioggia di meteore delle Perseidi, cioè la zona da cui apparentemente provengono, è la costellazione di Perseo, che attorno alla mezzanotte si trova in questa direzione. Non sarà difficile da individuare: la costellazione di Perseo si trova sotto quella di Cassiopea, facilissima da riconoscere per la sua tipica forma a W.

Stelle Cadenti

Cosa sono le stelle cadenti?

In realtà, non sono stelle: si tratta di meteoriti che vengono attratti dalla forza di gravità del nostro pianeta. Una volta entrati nell’atmosfera cadono verso la Terra a grandissima velocità: possono arrivare a 210.000 km orari!
A una tale velocità, il calore prodotto dall’attrito con l’atmosfera fa sì che i meteoriti si infiammino: ecco perché vediamo quella scia luminosa. L’atmosfera terrestre protegge il pianeta dai meteoriti, che si sfaldano e bruciano prima di raggiungere la Terra.

meteorite