Tag: divieti

Ricordiamoci tutti di lottare contro la plastica
Ricordiamoci tutti di lottare contro la plastica

Italia in pole position nella lotta contro l’inquinamento causato dalla plastica: siamo il primo Paese dell’Unione europea ad avere bandito i bastoncini per la pulizia delle orecchie. Il divieto è scattato in vigore il primo gennaio 2019: non si possono quindi più produrre o vendere a patto che non siano biodegradabili e compostabili. Lo prevede un emendamento alla manovra riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Sono stati stanziati anche 250000 euro per favorire la promozione, la produzione e la commercializzazione dei cotton fioc bio. È stato previsto anche l’obbligo di indicare sulle confezioni informazioni chiare sul corretto smaltimento e il divieto di gettarli nei servizi igienici e negli scarichi. I trasgressori rischieranno multe tra i 2.500 e i 100000 euro e la sospensione della licenza. L’Unione Europea ha deciso di vietare una serie di oggetti di plastica usa e getta, fra i quali anche i cotton fioc ma solo dal 2021. L’Italia si dimostra all’avanguardia nella lotta all’inquinamento da plastiche, dopo aver bandito nel 2011 i sacchetti per la spesa non biodegradabili e nel 2018 i sacchetti per l’ortofrutta. Secondo i dati che arrivano dalle campagne di monitoraggio e pulizia di Legambiente il 10% dei rifiuti presenti sulle spiagge italiane proviene dagli scarichi dei nostri bagni e il 9% di questi rifiuti è costituito da cotton fioc: nelle sole 46 spiagge monitorate tra il 2016 e il 2017 con l’indagine Beach Litter, ne sono stati trovati quasi 7000, 2 ad ogni passo e in totale sulla sabbia ce ne sarebbero più di 100 milioni. Senza contare gli animali marini che muoiono per aver ingerito queste plastiche e di cui non si riesce a fare un conteggio.

Dal primo gennaio 2020 il divieto verrà esteso ai prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche, quei minuscoli granelli di plastica che finiscono nei fiumi e nei mari, vengono mangiati dai pesci e attraverso la catena alimentare finiscono sulle nostre tavole. Sono in arrivo altri divieti ben più pesanti: l’Unione Europea il 19 dicembre 2018 ha deciso che dal 2021 saranno banditi parecchi oggetti in plastica usa e getta non biodegradabile: posate, piatti, cannucce, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso (come le scatole degli hamburger del fast food), bastoncini per palloncini e prodotti in plastica oxo-degradabile (per esempio le buste di plastica che si frammentano se esposte all’aria). In Italia la scadenza potrebbe essere anticipata al 2020.