Tag: endorfine

Il buonumore che arriva da fiori e piante
Il buonumore che arriva da fiori e piante

Diverse ricerche scientifiche hanno portato alla luce che chi pratica giardinaggio ha maggiori possibilità di restare in salute rispetto a chi non pratica questo hobby. Dedicarsi a fiori e piante sarebbe un ottimo rimedio allo stress e aiuterebbe a mantenersi in forma. Scavare, zappare, potare, rastrellare, annaffiare, seminare, travasare, rinforza i muscoli e ci aiuta a bruciare calorie. Secondo gli esperti praticare almeno 30 minuti al giorno di giardinaggio è equiparabile a svolgere una moderata attività sportiva adatta a tutte le età e priva di effetti collaterali. I benefici sono stati riscontrati anche in chi non avendo la possibilità di avere giardini, balconi o terrazzi si dedica comunque alla cura di piante e fiori in casa. Il giardinaggio diminuisce il cortisolo (l’ormone simbolo dello stress che nei momenti di maggior tensione determina l’aumento di glicemia e grassi nel sangue, mettendo a disposizione l’energia di cui il corpo ha bisogno) e aumenta le endorfine (sostanze chimiche prodotte dal cervello e dotate di una potente attività analgesica ed eccitante). Si tratta poi di un’attività che si presta perfettamente per essere eseguita senza paura anche in età più avanzata o con i bambini. Per gli anziani è un ottimo esercizio anti-età per la memoria e l’elasticità mentale e per i più piccoli è un insegnamento di rispetto, attesa e pazienza.

Vedere crescere una pianta, curarla, annaffiarla e prendersene cura, giorno dopo giorno può essere molto rilassante. Sapere poi da dove provengono la frutta e la verdura che finiscono sulla nostra tavola ha un enorme vantaggio: ci permette di consumare prodotti freschi e di stagione con regolarità, così come prescritto da dietologi ed esperti di nutrizione, che raccomandano di consumarne almeno 5 porzioni al giorno. Se durante l’attività all’aria aperta e nella cura delle piante riusciamo quindi a coinvolgere i più piccoli, il giardinaggio diventerà anche il primo passo di un’efficace educazione alimentare che, partendo da forme, colori, profumi e sapori vissuti come un gioco, insegnerà anche ai bambini ad apprezzare e consumare senza troppi capricci cibi ad alto valore nutritivo.