Tag: Legambiente

Isola d’Elba invasa dalle meduse
Isola d’Elba invasa dalle meduse

Le meduse sono tra i più antichi animali che abitano il nostro Pianeta; mezzo miliardo di anni di selezione naturale non le ha spinte a cambiare e ultimamente sono tornate all’attacco. In tutto il mondo spesso capita che i pescatori invece di catturare pesci, peschino meduse e sempre più sovente i bagnanti, al posto di trovare sollievo alla calura nelle acque marine, lamentano dolorose punture. Essere sfiorati al largo o punti da uno di questi animali è doloroso tanto che d’estate sono uno degli incubi dei bagnanti che affollano le spiagge d’Italia. Secondo quanto denuncia Legambiente la loro permanenza in mare si starebbe prolungando sempre di più. A Legambiente Arcipelago Toscano sono arrivate diverse segnalazioni di numerose meduse nel porto o spiaggiate lungo la costa di San Giovanni a Portoferraio (Livorno); già da diverso tempo all’Isola d’Elba in pieno inverno è sempre più frequente avvistare gruppi di meduse al largo della costa o a pochi metri dalla battigia. Inoltre un fenomeno simile che è più comune in primavera o in autunno, viene segnalato dal WWF ad Alghero, nella costa nord-occidentale della Sardegna. Questa situazione potrebbe essere stata determinata dalla “tropicalizzazione” del Mediterraneo, il cui riscaldamento delle acque allungherebbe il periodo di permanenza di questi celenterati.

Nelle segnalazioni si parla di avvistamenti di “meduse luminose” chiamate anche “pelagia noctiluca”: ben visibili anche di notte grazie alla loro bioluminescenza. È una specie che quando viene portata vicino alle coste da correnti e onde rappresenta la maggiore causa di irritazioni cutanee ai bagnanti che vengono a contatto con i loro tentacoli urticanti. “Il riscaldamento globale e quello ancora più accelerato del Mediterraneo rischiano di trasformare da stagionale ad annuale la presenza delle meduse lungo le coste, con conseguenze per la vita marina e per le attività umane legate alla blue economy e al turismo, che sono ancora tutte da valutare ma che non sembrano proprio positive” avverte Legambiente.