Tag: meteo heroes

Isola di calore: ecco perché in città fa più caldo!
Isola di calore: ecco perché in città fa più caldo!

La temperatura dall’aria e quella delle superfici sono molto diverse. Hai mai camminato a piedi nudi sulla sabbia? Ecco, allora conosci la differenza. La superficie sotto i tuoi piedi è molto più calda dell’aria che ti circonda. Ma da cosa dipende la temperatura di oggetto? Sicuramente dalla sua composizione e dal suo colore.

Le strade e i tetti sono di colore scuro e per questo motivo assorbono molto più calore rispetto a oggetti dai colori chiari. I pavimenti trattengono molto calore anche perché sono fatti di materiale impermeabile. Hai notato che quando piove l’acqua forma quelle pozzanghere? Ecco l’asfalto della maggior parte delle strade non fa passare l’acqua. Le nostre città sono piene di strade, marciapiedi, tetti e parcheggi. Tutte queste zone assorbono tanto calore e per questo motivo contribuiscono all’effetto noto come “isola di calore“. Le città infatti sono più calde della campagna che le circonda.

isola di calore

Notte e giorno. Questa differenza tra le città e le zone circostanti si fa sentire non solo con la luce del giorno, ma anche di notte. Tutte le superfici scure e asfaltate trattengono il calore che li scalda durante il giorno, e lo rilasciano durante la notte.

E in inverno? Anche durante la stagione più fredda le città restano più calde delle zone verdi. È per questo che in città è più raro vedere i fiocchi di neve!

Nel weekend il cambio dell’ora: lancette in avanti!
Nel weekend il cambio dell’ora: lancette in avanti!

Nel fine settimana tornerà l’ora legale. Pronti al cambio dell’ora?

Nella notte tra sabato 24 e domenica 25 marzo, infatti, tornerà l’ora legale. Il cambio avverrà alle 2.00 di notte, quando le lancette andranno avanti di un’ora e salteremo direttamente alle 3.00!

La buona notizia è che le giornate si allungheranno, quella meno buona è che avremo un’ora di sonno in meno. Il cambio dell’ora, però, avverrà nella notte tra sabato e domenica. Questo darà la possibilità alla maggior parte delle persone di recuperare con un giorno di riposo.

 

Perché si cambia l’ora?

In primavera si passa all’ora legale per ottimizzare l’uso della luce solare e consumare meno energia elettrica. Quando le giornate torneranno ad accorciarsi, in autunno inoltrato, ritorneremo allora solare. Nel 1916 una legge ha introdotto in Italia l’ora legale per la prima volta e nel secolo scorso la sua durata è stata ripetutamente modificata, finché nel 1996 è stata fissata a 7 mesi.
In passato venivano fissati ogni anno dei giorni diversi per il cambio dell’ora, ma oggi il processo è più semplice e le date sono sempre le stesse. Si passa all’ora legale nella notte dell’ultima domenica di marzo e si ritorna all’ora solare l’ultima domenica di ottobre.
Proprio per arrecare il minor disturbo possibile, il cambio avviene sempre tra le 2.00 e le 3.00 della notte tra sabato e domenica.

cambio-ora

Gli effetti del Jet Lag
Il cambiamento ha effetti molto positivi sull’ambiente. Le giornate si allungano, consumiamo meno energia elettrica e riduciamo l’emissione di anidride carbonica. Tuttavia, può avere conseguenze fastidiose per il nostro organismo, che nei primi giorni può faticare molto ad abituarsi ai nuovi ritmi. I disturbi più comuni sono un aumento dello stress, della fatica e del malumore. Secondo alcune ricerche, a risentire maggiormente del cambiamento sarebbero i bambini e gli anziani.

 

Ora legale 2018: pronti al cambio dell’ora?
Ora legale 2018: pronti al cambio dell’ora?

Mancano solo due settimane al cambio dell’ora: nella notte tra il 24 e il 25 marzo, infatti, tornerà l’ora legale. Il cambio avverrà alle 2.00 di notte, quando le lancette andranno avanti di un’ora e salteremo direttamente alle 3.00!

La buona notizia è che le giornate si allungheranno, quella meno buona è che avremo un’ora di sonno in meno. Il cambio dell’ora, però, avverrà nella notte tra sabato e domenica. Questo darà la possibilità alla maggior parte delle persone di recuperare con un giorno di riposo.

Perché si cambia l’ora?

In primavera si passa all’ora legale per ottimizzare l’uso della luce solare e consumare meno energia elettrica. Quando le giornate torneranno ad accorciarsi, in autunno inoltrato, ritorneremo allora solare. Nel 1916 una legge ha introdotto in Italia l’ora legale per la prima volta e nel secolo scorso la sua durata è stata ripetutamente modificata, finché nel 1996 è stata fissata a 7 mesi.
In passato venivano fissati ogni anno dei giorni diversi per il cambio dell’ora, ma oggi il processo è più semplice e le date sono sempre le stesse. Si passa all’ora legale nella notte dell’ultima domenica di marzo e si ritorna all’ora solare l’ultima domenica di ottobre.
Proprio per arrecare il minor disturbo possibile, il cambio avviene sempre tra le 2.00 e le 3.00 della notte tra sabato e domenica.

Gli effetti del Jet Lag
Il cambiamento ha effetti molto positivi sull’ambiente. Le giornate si allungano, consumiamo meno energia elettrica e riduciamo l’emissione di anidride carbonica. Tuttavia, può avere conseguenze fastidiose per il nostro organismo, che nei primi giorni può faticare molto ad abituarsi ai nuovi ritmi. I disturbi più comuni sono un aumento dello stress, della fatica e del malumore. Secondo alcune ricerche, a risentire maggiormente del cambiamento sarebbero i bambini e gli anziani.

cambio-ora

Hai tutto il tempo di prepararti con i consigli dei MeteoHeroes!
Giocare d’anticipo può fare la differenza: siamo ancora in tempo per aiutare il nostro corpo ad abituarsi ai nuovi ritmi.
Per esempio, noi MeteoHeroes sfrutteremo i giorni che mancano al cambio dell’ora per abituarci ad andare a letto un po’ prima del solito!

Il nostro orologio biologico ne sarà certamente avvantaggiato quando arriverà il momento di spostare le lancette in avanti, e avremo meno problemi ad addormentarci. In generale, uno stile di vita sano è di grande aiuto anche in questo caso. Puntiamo in particolare su maggiore attività fisica e cura dell’alimentazione: meglio tenersi leggeri, soprattutto la sera.

Neve: perché è bianca?
Neve: perché è bianca?

Tutti sanno che la neve è bianca: siamo abituati così e per noi è del tutto naturale. Ma se ci pensiamo bene, i fiocchi di neve sono fatti di acqua: non dovrebbero, quindi, essere trasparenti?

neve bianca

Per capire perché la neve è bianca, dobbiamo imparare una delle basi della fisica che ha a che fare con i colori: un oggetto risulta nero quando assorbe tutta la luce che lo colpisce; trasparente se la luce lo attraversa completamente; colorato se lo stesso oggetto assorbe parte della luce che gli arriva. Un oggetto è, infine, “a specchio” se riflette la luce.

Quando incontra un cristallo di neve, il raggio di luce viene deviato. E così avviene di cristallo in cristallo finché, alla fine di questo percorso, il raggio torna all’osservatore. In realtà, quindi, il cristallo resta trasparente. A noi, però, arrivano tutti i colori di partenza e, siccome il bianco è la somma di tutti i colori, ciò che percepiamo alla fine è proprio il colore bianco. Il manto nevoso è inoltre quasi completamente “a specchio”, dunque abbagliante, perché la maggior parte della luce che lo colpisce viene poi restituita.

Il tuo costume di Carnevale è pronto? Ecco come realizzare i trucchi bio!
Il tuo costume di Carnevale è pronto? Ecco come realizzare i trucchi bio!

Il make up bio è la migliore soluzione ecologica e priva di sostanze tossiche per prepararci al Carnevale, ma anche una scelta consapevole per proteggere la pelle delicata dei bambini.
Niente sostanze tossiche o chimiche per colorare questo Carnevale 2018, bandite soprattutto dalla delicata pelle dei nostri bimbi. Sostituire il più classico make up multicolore del Carnevale con trucchi ecologici, bio e fai da te è davvero semplice: scopriamo insieme ai MeteoHeroes qualche idea utile e divertente, magari da realizzare insieme ai bambini!

Gli ingredienti base per il tuo make up di Carnevale saranno:
– una crema densa, come quella per le mani o per neonati: l’importante è che sia ipoallergenica e naturale;
– amido di mais o di riso;
– acqua (va benissimo quella del rubinetto).

A questi elementi servirà aggiungere il colore, che in molti casi è facile ottenere da altri prodotti naturali.

colori-bio

Qualche esempio?
Aggiungere della semplice farina alla nostra base composta da acqua, amido e crema ci permetterà di ottenere un make up bianco, ideale per travestimenti che richiedono un colorito pallido.
Per ottenere il rosso, una delle soluzioni migliori, e del tutto naturali, c’è il succo di barbabietola.
Una piccolissima quantità di curcuma, invece, basterà per ottenere uno splendido colore giallo.
Il cacao in polvere, aggiunto alla nostra base neutra, ci regalerà un colore marrone.

È possibile ottenere numerosi colori anche aggiungendo alla base coloranti alimentari. Attenzione, solo, a sceglierli rigorosamente naturali.

 

Una “tempesta perfetta” alla base del maxi sbiancamento della Grande barriera corallina
Una “tempesta perfetta” alla base del maxi sbiancamento della Grande barriera corallina

“Una tempesta perfetta” prodotta da “condizioni climatiche senza precedenti”. Così un gruppo di ricercatori australiani e belgi ha definito la causa dell’imponente sbiancamento che ha colpito la Grande barriera corallina. Lo studio, pubblicato sulla rivista Estuarine, Coastal and Shelf Science, è stato portato avanti dalle università James Cook e Louvain. Già lo si sapeva: tra i principali accusati, fino a poco tempo fa, vi erano l’El Niño particolarmente intenso e le temperature sopra le medie. A questo, il team di ricercatori ha aggiunto un periodo di permanenza “eccezionalmente lungo” di acqua mediamente più calda all’interno del reef.

Coral bleaching on the Great Barrier Reef from GBRMPA on Vimeo.

Protagonista dello studio è stato Eric Wolanski, professore dell’università australiana, che ha sottolineato come il riscaldamento delle acque prodotto da El Nino nel 2016 abbia avuto inizio nel Golfo di Carpentaria: basti pensare che, in quel luogo, le acque avevano raggiunto una temperatura eccezionale: ben 34 gradi. Da lì si è generata una corrente particolarmente calda che, muovendosi verso i reef dello Stretto di Torres, si è diretta verso il tratto settentrionale della Grande barriera corallina. Proprio qui si sarebbe fermata l’acqua riscaldata: poi, stazionando per un periodo “eccezionalmente lungo, avrebbe aumentato lo stress termico sui coralli”. Tutto questo ha inoltre favorito il riscaldamento locale prodotto dai raggi solari. Se, in condizioni normali, la corrente costiera settentrionale al largo del Queensland, nel Mar dei Coralli, avrebbe prodotto un raffreddamento della barriera, nella situazione in esame si è verificato l’opposto: la corrente “ invertito il corso- spiega Wolanski- e ha portato acqua molto calda”. Ecco come si è generata la “tempesta perfetta”. Ed ecco come la Grande barriera corallina ha subito un maxi sbiancamento. Drammatico il bilancio: ben il 70% dei coralli della zona a nord di Port Douglas è morto. Complessivamente, considerando le acque poco profonde, la percentuale di coralli perduta è stata del 29%.

Siamo l’app numero 1 per i bambini!
Siamo l’app numero 1 per i bambini!

Dopo aver raggiunto la vetta nello scorso mese di ottobre, l’app dei MeteoHeroes è volata nuovamente in testa alla classifica delle app dedicate ai bambini!

Il progetto dei MeteoHeroes è nato nel 2015 da un’idea del Centro Epson Meteo che, per realizzarlo, si è avvalso della collaborazione di una serie di qualificati partner con competenze nel mondo dell’infanzia e del digitale.
L’app Meteoheroes è la numero 1 sia nella categoria Kids 6-8 dell’App Store dedicato ai dispositivi iOS, sia tra le App segnalate da Google Play come di tendenza per i bambini. La puoi scaricare gratuitamente da App Store e Google Play per i dispositivi Android e iOS!

MeteoHeroes

Conosci la nostra storia?

Il giorno del loro decimo compleanno, sei bambini da diverse parti del mondo scoprono di avere un potere speciale: la capacità di scatenare un agente atmosferico. Le loro abilità straordinarie vengono notate da un gruppo di scienziati e meteorologi, che decidono di invitarli nell’avveniristica centrale del CEM. Qui, guidati dall’intelligenza artificiale TEMPUS, si alleneranno per controllare i loro incredibili poteri e diventare così i MeteoHeroes, il primo gruppo di supereroi che protegge la Terra dai cambiamenti climatici!

Guarda il trailer:

Isola di calore
Isola di calore

La temperatura dall’aria e quella delle superfici sono molto diverse. Hai mai camminato a piedi nudi sulla sabbia? Ecco, allora conosci la differenza. La superficie sotto i tuoi piedi è molto più calda dell’aria che ti circonda. Ma da cosa dipende la temperatura di oggetto? Sicuramente dalla sua composizione e dal suo colore.

Le strade e i tetti sono di colore scuro e per questo motivo assorbono molto più calore rispetto a oggetti dai colori chiari. I pavimenti trattengono molto calore anche perché sono fatti di materiale impermeabile. Hai notato che quando piove l’acqua forma quelle pozzanghere? Ecco l’asfalto della maggior parte delle strade non fa passare l’acqua. Le nostre città sono piene di strade, marciapiedi, tetti e parcheggi. Tutte queste zone assorbono tanto calore e per questo motivo contribuiscono all’effetto noto come “isola di calore“. Le città infatti sono più calde della campagna che le circonda.

isola di calore

Notte e giorno. Questa differenza tra le città e le zone circostanti si fa sentire non solo con la luce del giorno, ma anche di notte. Tutte le superfici scure e asfaltate trattengono il calore che li scalda durante il giorno, e lo rilasciano durante la notte.

E in inverno? Anche durante la stagione più fredda le città restano più calde delle zone verdi. E’ per questo che in città è più raro vedere i fiocchi di neve!

Crociera estiva al Polo Nord
Crociera estiva al Polo Nord

Tra qualche decennio al Polo Nord potrebbe non esserci più la calotta di ghiaccio e le rotte navali che collegano Europa, America e Asia potrebbero attraversare liberamente le acque del Mar Glaciale Artico.

Tutti gli studi da tempo ormai confermano quello che sarà un triste epilogo: intorno al 2040 in estate al Polo Nord potrebbe non esserci più la calotta di ghiaccio. In effetti la superficie della Calotta Artica dal 1980 ai giorni nostri si è ridotta di circa il 40% e ancor più rapidamente è diminuito lo spessore della banchisa. Così se nel 1979 la banchisa artica occupava un volume di 16.855 km3, negli ultimi anni è invece regolarmente scesa al di sotto dei 4.000 km3, con una riduzione quindi di oltre il 75%. A causa del Global Warming è perciò molto probabile che entro metà secolo in estate divenga possibile attraversare in nave l’Artico.

Navigazione transpolare: quanto tempo si risparmia?

Le rotte potrebbero essere più convenienti in termini di tempo e quindi anche di costo: attraversare l’artico è sicuramente più veloce per collegare Asia, Nord America ed Europa. Sicuramente le rotte transpolari comportano anche rischi connessi al clima e all’ambiente, qui naturalmente ostile: la calotta di ghiaccio potrebbe infatti fluttuare e spostarsi e in questo modo ostacolare il passaggio delle navi.

CrocieraArtico_bigliettoMH

Entro il 2030, in ogni caso, potrebbero diventare ordinarie alcune rotte cargo, ad esempio quelle che costeggiano il nord America e il nord Europa passando poi per il mare di Barents e il mare della Siberia orientale, mentre altre, specie quelle più prossime al polo, necessiterebbero delle rompighiaccio. Tra il 2045 ed il 2060 invece, spiega una ricerca dell’Università di Reading pubblicata dalla American Geophysical Union, lo spessore di ghiaccio della calotta rimanente sarà talmente sottile (compreso tra 1 metro e 50 centimetri) da permettere di attraversare più agevolmente il Mar Glaciale Artico.
Dall’Europa all’Asia più orientale attualmente ci vogliono 30 giorni di navigazione senza sosta passando dal Canale di Suez, mentre dal Nord America 25 giorni, approfittando del Canale di Panama. Nei prossimi decenni questo potrebbe cambiare: secondo le stime da Rotterdam a Yokohama potrebbero volerci 18 giorni mentre da New York a Yokohama 21.

tratte-artico