Tag: nasa

Grazie a Space Nation puoi volare nello spazio anche tu
Grazie a Space Nation puoi volare nello spazio anche tu

Nel corso del tempo i viaggi spaziali sono passati dall’essere una rarità ad una routine. C’è quindi bisogno di nuove reclute che nel futuro potranno diventare astronauti.  Se il tuo sogno è sempre stato quello di viaggiare nello spazio, è arrivata l’app che fa per te. Grazie a Space Nation, ora lo spazio è a portata di tutti. Dal 12 aprile infatti, anniversario del primo volo spaziale della storia, è possibile scaricare sui vostri telefoni  Space Nation Navigator.

L’azienda finlandese ha sviluppato l’app, con l’aiuto di addestratori di astronauti della NASA, tramite l’accordo Space Act, per dare l’occasione a tutti di affrontare un addestramento come quello di un vero astronauta. L’obbiettivo è quello di creare un programma per la formazione dei futuri astronauti, a portata di tutti. Tramite l’app sarà possibile aumentare le conoscenze in ambito dello spazio, attraverso lezioni da leggere e podcast da poter ascoltare. Il programma prevede inoltre che ogni anno un utente venga selezionato per andare nello spazio, in veste di astronauta.

Un’altra sezione interessante dell’app è senza dubbio quella delle missioni. Qui si possono testare le conoscenze acquisite tramite quiz e giochi di diversi livelli di esperienza. Per di più, i giochi sono repliche di situazioni e sfide che potrebbero ripetersi, o che sono già accadute, nello spazio. Superate le sfide è possibile ricevere badge e ricompense. Una di queste è l’occasione di poter andare in Islanda, che grazie ai suoi territori inesplorati, assomiglia molto alla luna.

Nuvola di sabbia sul Mar Rosso
Nuvola di sabbia sul Mar Rosso

Una nuvola di sabbia sorvola il Mar Rosso. Di che cosa si tratta? Spesso in questa zona del mondo capita di vedere sbuffi di sabbia sollevate nell’atmosfera sul Mar Rosso. Questo fenomeno è piuttosto frequente in questa zona, ed è proprio per questo che è interessante. Non si tratta di un evento casuale o raro, ma quasi di una costante. La sabbia, spiega la NASA, viene sollevata verso est sulla superficie del mare per poi piegare improvvisamente verso sud.

Ma come mai c’è così tanta sabbia nell’aria? Durante l’estate in Sudan le condizioni meteo e le tempeste di sabbia vengono condizionate dall’afflusso di aria umida proveniente dalle foreste a sud-ovest. L’aria molto umida proveniente da queste zone viaggia verso nord e verso est raggiungendo le zone più a nord, molto più calde e secche. Quando l’aria umida si scalda, sale molto velocemente nell’atmosfera scatenando temporali e forti venti che sollevano sabbia in molte zone del Paese.

Il secondo ingrediente è l’acqua. In questa zona fiumi e laghi si formano nella stagione umida e si prosciugano durante la stagione secca. Il processo di evaporazione dell’acqua lascia al suolo una sabbia molto fine che il vento riesce a sollevare facilmente.
Ed è così che si forma spesso e volentieri questo sbuffo di sabbia trasportato dai venti sul Mar Rosso.