Verdi distese di riso nel deserto: un miraggio che diventa realtà

Scoperta in Cina una varietà di riso in grado di crescere in acqua salata nei terreni più aridi. Riso nel deserto: al via la sperimentazione alle porte di Dubai.
Quasi mezzo secolo di ricerca e di sperimentazioni. Decenni di impegno e di fatica. Alla fine, però, ci sono arrivati. Un team di scienziati cinesi, specializzati nello studio del riso, è riuscito a ottenere quello che pareva un obiettivo irraggiungibile: coltivare il riso nel deserto. C’è riuscito in Cina, ci sta provando negli Emirati Arabi. In questi mesi la squadra di studiosi sta infatti sperimentando la coltivazione della varietà di riso idonea a crescere in acqua marina proprio nel deserto alla periferia di Dubai. E, per ora, i risultati sono oltremodo positivi. È quanto diffuso dall’agenzia di stato cinese Xinhua, istantaneamente ripresa dal celebre South China Morning Post.

Riso nel deserto, il progetto è iniziato. La semina è avvenuta a gennaio. A inizio estate c’è stato un raccolto tale da far ben sperare in successivi, entusiasmanti sviluppi. Il team è guidato da Yuan Longping, studioso famoso per aver studiato le più diverse varietà di riso e aver prodotto le prime varietà ibride agli inizi negli anni Settanta.
A tenere alto il morale degli studiosi arrivano i risultati sulla resa del raccolto: 7 tonnellate e mezzo per ettaro. Un dato eccezionale, laddove si pensi che la media globale, per la stessa varietà, è di 3 tonnellate per ettaro. Entro fine anno la risaia sperimentale dovrebbe raggiungere l’estensione dei 100 ettari: un’area da espandere ulteriormente a partire dal 2020. Guardando al futuro non immediato, l’obiettivo finale è quello di estendere le coltivazioni di riso al 10% del territorio degli Emirati Arabi Uniti. Parliamo di un terreno avente un’estensione di 83.600 km quadrati.
Il gruppo di ricerca cinese che sta lavorando al progetto è coadiuvato dall’Ufficio Privato dello Sceicco Saeed Bin Ahmed Al Maktoum, membro della famiglia regnante di Dubai. Sfruttando la varietà ibrida di riso in grado di crescere in acqua salata nelle aride distese del deserto si otterrebbe un duplice effetto: da una parte, mettere a coltivazione zone altrimenti destinate all’abbandono, dall’altra evitare di prosciugare le preziosissime riserve di acqua dolce, già ridotte ormai ai minimi termini.

La varietà di riso prescelta per il progetto è la stessa individuata, una quarantina di anni fa, nei pressi di una distesa di mangrovie, nel mezzo di una vasta palude. Questa varietà di riso selvatico resistente all’acqua salata è stata incrociata con altre specie di riso idonee a essere coltivate in larga scala: dopo quattro decenni di sperimentazioni si è così arrivati a ottenere otto ceppi di riso che risultano in grado di crescere in acqua marina diluita. Fino a pochi anni fa, tuttavia, la resa non era assolutamente soddisfacente, rendendo dunque non conveniente il tutto dal punto di vista economico. All’improvviso, poi, dalla Cina è arrivata la notizia eclatante: si è riusciti a ottenere, in acqua salata, una quantità doppia di riso per ogni ettaro di coltivazione. La Cina si ripropone di destinare a questo tipo di coltivazione un milione di km quadrati di terre attualmente abbandonate a causa del suolo troppo salino. Dopo la Cina, è arrivata la Penisola Araba. Ma il progetto non si ferma qui. Sono già molte le nazioni che, annoverando territori dalle caratteristiche simili a quelle descritte, sono intenzionate a sfruttare la nuova varietà di riso. Prima tra tutte, l’Australia.